21 Oct

Le migliori destinazioni italiane per l’autunno.

Il periodo non è dei migliori per viaggiare lontano. Ciò non toglie che, con le dovute precauzioni, sia possibile trovare, in casa nostra, delle interessanti destinazioni per godersi i primi weekend autunnali e sfruttare il clima non ancora proibitivo. 

Con questo intento abbiamo scelto quattro mete, da nord a sud, per godere della straordinaria bellezza del nostro Paese in tutta tranquillità, senza il rischio di imbattersi in folle di turisti.

    

Camogli e l’abbazia di San Fruttuoso

Vicina alla più famosa e turistica Portofino, Camogli è una gemma nascosta. In questo ex villaggio di pescatori infatti, l’atmosfera è magica e il cibo squisito. Ad attrarre l’attenzione sono subito i colori delle tipiche facciate dipinte sulle abitazioni, esempio della famosa arte decorativa ligure. ll fulcro di Camogli è l’antica isola medioevale, dove si erge la Basilica di Santa Maria Assunta. 

Per gli amanti della natura e per i più dinamici Camogli offre numerosi sentieri per fare trekking. Dal sentiero del Parco regionale del Monte di Portofino è possibile raggiungere la splendida baia dove sorge l’Abbazia di San Fruttuoso e il suo antico borgo. 

Se non siete amanti del trekking l’abbazia è raggiungibile anche via mare con traghetti in partenza dal porto di Camogli. 

La sera, un aperitivo in riva al mare o nei locali che affacciano sul porticciolo di Camogli è d’obbligo.

Trieste

Trieste, la bellezza gotica, non ha le “inconvenienze” delle altre affollate città d’arte italiane. Città ponte tra l’Europa occidentale, orientale e meridionale, Trieste ha uno dei porti più importanti del Mediterraneo. Tappe consigliate sono sicuramente la Piazza Unità d’Italia, il Castello San Giusto, centro più antico della città situato sul colle più alto della città, la Sinagoga e la Cattedrale. A Trieste visitare i caffè tradizionali, luoghi di incontro per scrittori e poeti, è un must.

Ravenna

Ravenna per molti è un tesoro sconosciuto, oscurata dalle più famose città d’arte italiane. Ravenna che conserva il più ricco patrimonio di mosaici dell’umanità risalente al V e VI secolo. Non a caso è chiamata la città dei mosaici. Imperdibile sono il Mausoleo di Galla Placidia, che contiene i mosaici più antichi della città, la Basilica di San Vitale e il Battistero. 

Non perdete anche la tomba di Dante. Ravenna è anche famosa per la tipica cucina emiliana. Si inizia con affettati misti e squacquerone, si prosegue con cappelletti e tagliatelle al ragù.

Lecce

La Signora del Barocco. Punto di passaggio per alcune delle spiagge più belle d’Italia, Lecce è principalmente una città di storia ed arte. Qui il barocco si esprime in una maniera del tutto unica. Con decorazioni sgargianti e colori intensi. Il centro storico, intorno piazza S. Oronzo, è l’anima sia della città. Si può girare a piedi tra i raffinati palazzi e le botteghe artigianali. 

Sempre a piedi si possono raggiunger l’anfiteatro romano e il Duomo. A Lecce il cibo è eccezionale. Dovete provare la puccia e il tipico rustico leccese. Per più dettagli su lecce e la Puglia non perdete il nostro diario di viaggio qui.

Leave Comment

Comments

No comments yet.